Chi siamo

 

Fondata nel 2004 da un nucleo di intellettuali e cultori di storia, la Società storica del Sannio cerca di colmare uno specifico vuoto culturale della città sannita. Non a caso essa si richiama nell'intestazione ad un organismo creato – quasi un un secolo fa – all'estinta Società Storica che era stata promossa nel 1922 da Enrico Cocchia, Antonio Mellusi, Antonio Jamalio e Alfredo Zazo, la cui primaria attività consistette nel redigere gli Atti di un "Archivio storico” assieme agli “Annali della Società storica” (questi ultimi integralmente ristampati dall'editrice Torre della Biffa, in tempi recenti). La ripresa dell'associazione è avvenuta per iniziativa di Gianandrea de Antonellis che attualmente ricopre la carica di presidente. Adesso la nuova Società storica del Sannio si pone l’obiettivo di contribuire ad ogni tipo di studi tesi a coltivare la memoria storica del territorio e nello stesso tempo onorare figure del passato che hanno onorato la civiltà sannita.

La nuova Società storica del Sannio sta inoltre realizzando una Biblioteca specializzata di storia, dotata di oltre seimila titoli tra volumi opuscoli e periodici sia a carattere scientifico sia a carattere letterario, la cui base è costituita dal patrimonio librario di Giacomo de Antonellis - giornalista professionista, scrittore. bibliofilo - che ha lavorato in campo editoriale per diversi decenni fondando tra l'altro a Milano il Club di Autori Indipendenti.

L'organismo collabora principalmente con la Fondazione Francisco Elías de Tejada, con sede a Madrid

 

Contatti  

Società storica del Sannio
Palazzo Isernia al corso Garibaldi (già Strada Magistrale) 95
82100 Benevento  BN
Tel. 0824.53464
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

 

La biblioteca della Società

                                     Tutto le cose che stanno sotto il sole hanno eguale fortuna e legge           

 (Ecclesiaste, ix)         

Sezioni:          

A - Arti figurative e archeologia           

B - Biografie e genealogie, araldica, archivistica, epistolari        

C - Classici di ogni tempo         

D - Dizionari, vocabolari, antologie, lingua italiana e lingue straniere, scrittura, testi giuridici        

E - Economia, saggi e storia     

F - Filosofia, giuridica, psicologia, sociologia      

G - Geografia, guide, atlanti, libri di viaggi         

H - Habitat ed ecologia

I - Imprimatur: cultura, editoria, giornalismo, saggi e storia         

L1 - Letteratura italiana, saggi e storia  

L2 - Letteratura italiana, testi in prosa e versi    

L3 - Letteratura italiana, testi in idioma locale   

L4 - Letteratura per ragazzi, favolistica

M - Materie diverse: medicina, militaria, moda, scienza e tecnica, sociologia       

N - Narratori stranieri e opere in lingua originale           

O - Opuscoli e riviste a stampa 

P - Politica, saggi e storia         

Q - Quiz, collezionismo, filatelia, gastronomia, giochi, giovani, numismatica, sport

R - Religioni, Chiesa e movimento cattolico, papato, ordini, santi, beati   

S1 - Storia universale antica e moderna

S2 - Storia d’Italia (in quanto territorio unitario nazionale)   

S3 - Storia delle Regioni italiane (con sottosezioni per città e aree omogenee)

T - Teatro, cinema, musica, spettacoli   

U - Urbanistica, architettura, cartografia e trasporti       

V - Vetus aetas, libri d’antiquariato      

 

Le ventiquattro sezioni della biblioteca servono a distinguere altrettante tematiche. Nei casi dubbi l’attribuzione di un libro ad un determinato settore è in funzione della materia prevalente nel testo. In linea di massima la classificazione segue l’ordine alfabetico degli autori: quando le firme sono superiori a tre (autori vari) non appare alcun nome. Le sigle “s.i.d”. e “s.i.l.” indicano la mancanza di precise indicazioni sulle date e sui luoghi di stampa. Ogni schedina riporta i seguenti dati: autore, titolo, caratteristiche essenziali (formato, illustrazioni, brossura, cartonato o rilegato, pagine), editore e stampatore, luogo e data di stampa, codice Isbn, segnatura interna della biblioteca. I testi con meno di 38 pagine sono definiti opuscoli. Il formato si collega alla moderna tecnica di misurazione in base all’altezza del volume, partendo dal cosiddetto atlantico, vale a dire fogli tipografici.senza alcuna piegatura, per passare all’in-folio con impaginati superiori ai 38 centimetri; a scendere il 4° (in quarto) che varia tra i 30 e i 38 cm. di altezza, l’ 8° (ottavo) per i libri tra i 20 e i 30 cm., il 16° (sedicesimo) che racchiude misure tra i 15 e i 20 cm., il 24° (ventiquattresimo) che identifica i libri tra i 10 e i 15 cm., per finire con il 24° (trentaduesimo) che raggruppa quelli sotto i 10 centimetri di altezza.In linea di massima il codice ISBN, International standard of books number, è stato adottato soltanto a fine anni ’70:questo sistema identificativo della produzione editoriale fondato sulla combinazione di nove numeri che dal 2007 è cresciuto a tredici cifre. I volumi classificati nella sezione “Vetus aetas, libri d’antiquariato” sono consultabili, dopo richiesta alla proprietà, soltanto per documentati motivi di studio. 

Convocazione Assemblea Soci

Convocazione Assemblea Soci

L'assemblea dei soci è convocata in sede per il giorno di Sabato 14 marzo 2015, ore 17 in primo appello

e ore 18 in secondo e ultimo appello, con il seguente ordine del giorno.

1) Relazione sull'attività dell'ultimo triennio;

2) Situazione sito Internet,

3) Analisi dello stato contributivo dei Soci con proposta di cessazione dall'albo per quelli inadempienti;

4) Esame nuove richieste di accesso alla Società storica del Sannio;

5) Rinnovo cariche associative.

Il presente avviso vale a tutti gli effetti legali.